Sindaco Terni, dimissioni dopo dissesto

Bruno Cirelli
Gennaio 26, 2018

"Ho appena ricevuto notizia dallo studio legale che ha seguito la procedura del ricorso - dichiara il sindaco Leopoldo Di Girolamo - che le sezioni riunite della Corte dei Conti hanno respinto il ricorso presentanto dal Comune di Terni in merito al piano di riequilibrio finanziario dell'Ente". Se, dopo 20giorni, le dimissioni diventeranno irrevocabili, sarà previstoil commissariamento dell'ente. Dopo di che il sindaco rassegnerà le sue dimissioni aprendo, di fatto, una crisi politica. Al momento nessuna delle due ipotesi può essere esclusa a priori, anche se la prima è considerata da più parti come la più probabile. Una resa che - se arriverà - arriverà a giorni.

Senatore imbufalito La candidatura di Rossi - va detto - a Terni è stata ampiamente sostenuta dal Pd sia a livello comunale che provinciale. In queste ultime ore è stato lo stesso senatore, però, a ipotizzare con una certa decisione un passo indietro.

Ed il PD di Terni secondo le indicazioni unanimemente votate dalla direzione del 16/01/2018 sara' protagonista attivo per una fase politica nuova e connotata da una apertura verso un patto per Terni in un confronto serio e franco con Governo e Regione con una rinnovata e partecipata agenda per le priorità della nostra amata Città. Lo ha annunciato questo pomeriggio, nel corso dell'assemblea comunale del partito. Già la prossima settimana il consiglio potrebbe votare ildissesto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE