Perugia, omicidio Polizzi: annullata la condanna a Valerio Menenti

Barsaba Taglieri
Gennaio 26, 2018

Resta in carcere a Perugia Valerio Menenti per il quale la Cassazione ha annullato con rinvio la condanna a 18 anni di reclusione per il concorso materiale e morale nell'omicidio di Alessandro Polizzi. Anche per lui gli atti sono stati rimessi ai giudici di Firenze per rideterminare la pena.

Il collegio ha invece confermato la responsabilità del padre Riccardo Menenti, cui era stato inflitto l'ergastolo e che rimane dunque il reo confesso esecutore materiale dell'omicidio e del tentato omicidio con l'esclusione però delle aggravanti dei futili motivi e della crudeltà. L'omicidio venne compiuto in un appartamento alla periferia di Perugia. Polizzi - secondo l' accusa - venne ucciso con un colpo di pistola da Riccardo Menenti, 59 anni, penetrato nella notte nell' appartamento.

Condanna annullata I due vennero poi arrestati dalla squadra mobile della questura.

Adesso si attendono le motivazioni dell'anno sentenza che serviranno anche agli avvocati per comprendere se vi sono i margini per avanzare richiesta di scarcerazione per Valerio Menenti. "C'è moderata soddisfazione anche per il padre Riccardo per il quale viene comunque meno la condanna all'ergastolo e la pena dovrà essere rideterminata".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE