Non mi faccio visitare da un medico negro

Bruno Cirelli
Gennaio 26, 2018

Dopo il post pubblicato su Facebook, sulla bacheca del medico sono apparsi tantissimi messaggi di solidarietà, ma c'è anche chi lo rimprovera per non aver visitato la paziente. E' accaduto nel comune di Cantù, nel Comasco, dove un paziente, presentatosi nell'ambulatorio della guardia medica, ha reagito in modo a dir poco sorprendente davanti al medico che si apprestava a visitarlo. "Non mi faccio visitare da un negro", ha detto l'uomo, rivolto al dottor Anti Nganso, 30enne del Camerun, residente da 12 anni in Italia. Andi l'avrebbe presa non solo con filosofia ma addirittura con ironia tanto da scrivere sul suo profilo Facebook: "Io ti ringrazio. Ho un quarto d'ora per bere un caffè".

Sotto lo status, diventato virale, ci sono diverse persone sconcertate da quella risposta. "Non sono amareggiato davanti a una persona anziana stupita perché si trova davanti un dottore nero. O giallo fluorescente? Io per metà sto cercando di diventare verde".

Il medico racconta che esercita la professione da due anni e si rende conto che i pazienti sono sorpresi e magari un po' incerti davanti a un medico nero, come riporta TgCOM che a sua volta ha riportato ad alcuni quotidiani locali, ma non è mai successa una reazione così violenta, verbalmente parlando. Nganso, prima di arrivare a Cantù ha lavorato al centro di accoglienza di Bresso e a Lampedusa. "Sono venuto in Italia per studiare Economia, ma ho abbandonato gli studi prima della laurea e mi sono iscritto a medicina", ha rivelato. Di solito trovo persone aperte e accoglienti. Una volta una bimba mi ha fatto notare con stupore che ero gentile mentre i suoi genitori le dicevano di non parlare con gli uomini neri. In altri casi, con una scusa qualcuno ha lasciato l'ambulatorio. "Questa volta però la reazione della paziente mi ha spiazzato", ha però ammesso, riferendosi alla donna di mezza età ed alla sua esternazione infelice.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE