Madia: "In arrivo più di 125 euro a militari, 132 a polizia"

Bruno Cirelli
Gennaio 26, 2018

È stato sottoscritto nella notte, dopo nove anni di blocco dei contratti, l'accordo negoziale riguardante le forze armate, di sicurezza e di polizia. Il tutto è avvenuto alla presenza dei ministri competenti, il titolare degli Interni, Marco Minniti, la titolare della Funzione Pubblica, Marianna Madia, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Guardasigilli, Andrea Orlando, il sottosegretario Pier Paolo Baretta per l'Economia, il sottosegretario Angelo Rughetti che ha la delega dal governo alla trattativa. Si tratta di aumenti a regime, non una tantum: "125 euro per le forze armate, 126 per la polizia penitenziaria, 132 per la polizia di Stato, 134 per i carabinieri, 136 per la finanza, A questo si aggiungono gli arretrati che arriveranno non appena i tempi tecnici lo permetteranno: "circa 556 euro per la polizia e 517 per le forze armate". Un nuovo contratto per tutti coloro che quotidianamente sono impegnati a garantire la difesa e la sicurezza della collettività": "e' quanto rivela on Twitter il Ministero della Difesa.

"450mila lavoratrici e lavoratori del comparto sicurezza e difesa della #PA da oggi hanno un nuovo #contratto. Ci sono le condizioni per rinnovare il contratto a tutti i dipendenti pubblici, che sono tre milioni e trecentomila", ha spiegato il Ministro Madia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE