Mertens e la promessa Scudetto: "Cinque giorni di festa a Napoli"

Rufina Vignone
Gennaio 25, 2018

Contro l'Atalanta è stato il Mertens-Day, il belga ai nerazzurri ha sempre fatto gol in questa stagione, ma ora non vuole più fermarsi.

"Lavoriamo affinche' il sogno diventi realta'". "Siamo maturi, anche perché veniamo da tanti anni insieme, in un progetto importante, la squadra è cresciuta in questo periodo".

Contro l'Atalanta, il bomber 'tascabile' ha interrotto un digiuno di quasi 3 mesi: "E' vero che si parlava solo di campionato, ma 85 giorni sono troppi". Con la Lazio. Dopo un po' di giorni senza segnare mi ha pesato. Crotone? Non lo so, è girato parecchio sul web.

Mondiale con il Belgio: "Dobbiamo lottare tantissimo per arrivare in fondo e provare a vincere". "Ma storicamente non abbiamo mai vinto, quindi dobbiamo lavorare e crescere ancora tanto se vogliamo puntare a qualcosa di importante".

Lotta a due con la Juve?

Europa: "Vogliamo fare bene anche in Europa League, è una cosa che prendiamo molto seriamente". "Non dobbiamo guardare troppo avanti, ma proseguire così, con la squadra carica". Quello con la Lazio può essere il più bello, ma il gol di Bergamo è stato quello più importante che ho sentito di più.

I tre piccoletti? José non è molto piccolo, forse si arrabbia. Si tratta di un bel calciatore, salta l'uomo, è molto forte. "Mi fa molto piacere che torneranno".

Cd o Radio? "Ascolto più i cd".

E a tal proposito, ecco la pazza idea di Mertens: "In caso di Scudetto organizziamo una grande festa per tutta la città". Mi sento napoletano, io voglio vivere come fanno i napoletani. Non sarà facile, ma noi pensiamo soltanto a noi stessi. "Cinque giorni di festa".

Secondo me abbiamo fatto bene a portare il Var, ha aiutato tanto. "Non saprei, in quelle situazioni il guardalinee deve scegliere sempre molto velocemente e comunque la Var sta dando un grande aiuto in senso assoluto al campionato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE