Tentata corruzione, arrestato presidente Ance Puglia

Bruno Cirelli
Novembre 1, 2017

Gerardo Biancofiore, presidente sia dell'Ance regionale Puglia che dell'associazione provinciale dei Costruttori Edili di Foggia oltre che responsabile del gruppo Pmi Internazionale dell'Ance, è stato arrestato (ai domiciliari) dalla Polizia con l'accusa di istigazione alla corruzione nei confronti del sindaco di Cerignola (Foggia), l'avvocato Franco Metta, eletto con la lista civica di destra Coalizione del Cambiamento. L'arresto dell'imprenditore di 51 anni arriva a seguito delle indagini nate dalla denuncia che il sindaco di Cerignola, Franco Metta, ha sporto il 7 dicembre 2016 dopo avere ricevuto in ufficio una scatola di biscotti 20 mila euro in contanti suddivisa in due mazzette da 10 mila euro.

Lo scopo? Avere strada spianata per un favore nel settore dei rifiuti. Indagini debitamente coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, dr. A. Di Giovanni, che consentivano di far luce sull'episodio denunciato e di far emergere gravi elementi di reità per il reato di istigazione alla corruzione nei confronti di Biancofiore. Ecco i termini dell'accusa: tentata corruzione per ottenere l'approvazione del sesto lotto della discarica presso l'impianto Sia di Cerignola.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE