SIime killer, bimba di 9 anni morta al Bambino Gesù

Bruno Cirelli
Ottobre 31, 2017

La bambina potrebbe aver giocato con lo 'Slime', una pasta modellabile fatta in casa con borace in polvere, colla, schiuma da barba, acqua e coloranti?

Giallo fitto sulla morte di una bambina di Matera di 9 anni, giunta in gravissime condizioni al Bambin Gesù di Roma e poi deceduta per attacco cardiaco. Uno tra i tanti modi di realizzarlo prevede di aggiungere la schiuma da barba, il problema è che la schiuma contiene metanolo (sostanza altamente tossica). I referti mostrano un tasso di metanolo nel sangue di gran lunga sopra la norma e la spiegazione sembrerebbe essere la schiuma da barba del padre. "Lo si può trovare in prodotti industriali, come vernici o solventi per vernici stesse".

Un gioco quindi che sarebbe costato la vita alla ragazzina, che potrebbe aver avuto una particolare sensibilità alla sostanza o averne ingerito una parte.

Quella avanzata dalla Procura di Roma è solamente un'ipotesi, anche se molto avvalorata. Cosa sia successo nelle ore precedenti non è stato ancora chiarito dagli inquirenti e dal Centro Antiveleni della Maugeri che stanno indagando sull'accaduto. Il fascicolo aperto con l'accusa di omicidio colposo è ancora senza indagati. I medici hanno fatto delle analisi che hanno evidenziato un'altissima presenza di metanolo nel sangue. La bambina si era sentita male nella sua casa di Matera il 5 ottobre ed era stata portata al pronto soccorso dell'ospedale della cittadina della Basilicata. Per questo motivo il personale sanitario ha consigliato di portare la piccola in un ospedale più grande e attrezzato, come appunto il Bambin Gesù di Roma. Nuove risposte potrebbero arrivare da una consulenza medica disposta dalla procura di Roma qualche giorno fa. I risultati dovrebbero arrivare nel giro di 60 giorni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE