Giappone, trovati 9 morti in una casa

Bruno Cirelli
Ottobre 31, 2017

I corpi appartenevano a 8 donne e ad un uomo ed erano tenuti in contenitori refrigerati.

Shiraishi viveva nell'appartamento dallo scorso agosto e la polizia aveva cominciato a indagare su di lui dopo aver trovato dei messaggi tra lui e la donna scomparsa, che nessuno vedeva più dal 21 ottobre. Takahiro Shiraishi ha confessato il suo crimine, secondo quanto riferiscono i media giapponesi. Gli agenti stavano indagando sulla scomparsa di una ragazza di 23 anni. I corpi erano smembrati e conservati in refrigeratori in cui sono stati ritrovate anche due teste decapitate. I due sarebbero stati visti insieme lunedì sera e la donna potrebbe essere una delle 8 donne uccise. Successivamente hanno rinvenuto altri resti, di altri corpi. In un appartamento sono stati rinvenuti almeno 9 cadaveri fatti a pezzi e mutilati.

Secondo le prime ricostruzioni, Shirashi avrebbe fatto a pezzi le sue vittime in bagno, probabilmente con la sega che è stata ritrovata nella sua camera. I nove omicidi al momento sono stati confessati dall'uomo che avrebbe detto agli inquirenti: "Li ho uccisi e ho lavorato sui corpi per nascondere le prove". Le ricerche vanno dunque avanti per scongiurare una strage ancora più grande.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE