Espulso dall'Italia imam kosovaro Predicava "odio" in radio e sul web

Bruno Cirelli
Ottobre 31, 2017

È stata stabilita l'espulsione dall'Italia, per un imam itinerante kosovaro, domiciliato a Olgiate Molgora, centro della Brianza in provincia di Lecco. A portare a termine l'espulsione sono stati i carabinieri del comando provinciale di Lecco, che hanno dato esecuzione a un decreto firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti. Respinto dalla Germania perché coinvolto in attività radicali.

L'uomo svolgeva un'attività di predicatore considerata estremista. Sposato con una sua connazionale con cinque figli, Idrizovic era giunto in Italia nel 2008 con i propri familiari e fino a giugno di quest'anno aveva una stabile attività lavorativa in provincia di Bergamo, come dipendente di una società cooperativa di Milano. Gli inquirenti hanno scoperto che l'imam effettuava collegamenti con la radio kosovara "Radio Bambus", che trasmette in bassa frequenza solo nella zona del villaggio di Restelica Gora (Kosovo) e nel resto del mondo via web. Iderizovic inoltre intratteneva anche dei rapporti con la comunità islamica kosovara presente in Germania, a Dortmund. A dicembre del 2016, il predicatore - hanno chiarito gli investigatori - era andato in Germania dove aveva frequentato centri islamici e moschee tanto da guadagnare il posto da imam di un centro culturale di Dortmund.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE