Russiagate, ex capo campagna elettorale Trump si costituisce all'Fbi

Bruno Cirelli
Ottobre 30, 2017

L'ex direttore della campagna elettorale di Donald Trump, insieme all'ex socio d'affari Rick Gates, è il primo incriminato dal procuratore speciale Robert Mueller, che sta lavorando al cosiddetto Russiagate. La notizia è stata riportata dal New York Times citando alcune fonti, secondo le quali le accuse contro Manafort non sono chiare, anche se era sotto indagine anche per riciclaggio di denaro. Il Bureau si è limitato a confermare che Manafort si è consegnato alle 8.15, ora locale, e non ha fornito altre indicazioni. Sui conti offshore di Paul Manafort, ex capo della campagna di Trump, e del suo ex socio Rick Gates, sono transitati oltre 75 milioni di dollari. A compromettere la sua posizione sarebbero stati i documenti emersi da un libro paga segreto del Partito delle Regioni che provano come la società di consulenze di Manafort ha ricevuto oltre 12 milioni dal partito filorusso tra il 2012 e il 2014. Secondo quanto rivela oggi il Wall Street Journal, tra le accuse che verranno contestate vi sarà anche quella di evasione fiscale.

Al centro dell'inchiesta sul Russiagate ci sono le interferenze di Mosca nelle presidenziali Usa, i presunti legami tra il comitato elettorale di Donald Trump e il Cremlino e il possibile intralcio alla giustizia da parte dell'attuale presidente americano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE