Due "bulli" condannati a 8 anni di reclusione

Bruno Cirelli
Ottobre 30, 2017

Il Tribunale ha condannato i due ragazzi per aver violentato e abusato di un loro compagno di classe: otto anni e sei mesi di carcere. Le violenze sono andate avanti per oltre un anno e mezzo. "Penso sia una delle prime in Italia di questo tenore e credo mostri come la situazione per chi è vittima di violenze stia cambiando", commenta l'avvocata Giovanna Musone a La Repubblica, che assieme alla collega Maria Rosaria Scicchitano, si è costituita parte civile per conto della vittima e della sua famiglia.

"Non e' stato facile, il ragazzo all'inizio era chiuso in se' stesso - ha continuato - poi, grazie anche all'intervento del pm, ha iniziato a tirare fuori tutto cio' che aveva subito".

Il ragazzo - scrive Rainews - era stato costretto a subire dai due giovani, all'epoca dei fatti già maggiorenni, ogni tipo di violenza, come ingoiare escrementi di cani, bere litri di vino e perfino consumare un rapporto sessuale con una prostituta sotto i loro occhi.

I legali hanno sentito la giovane vittima per riferirgli della condanna esemplare comminata ai due bulli: "Ha detto che nonostante questa sentenza favorevole la sua ferita difficilmente riuscirà a rimarginarsi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE