Volontari in piazza per la campagna 'Io non rischio'

Bruno Cirelli
Ottobre 16, 2017

Piazza della Resistenza ha ospitato questa mattina la campagna nazionale della Protezione civile "Io non rischio" organizzata per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio in caso di terremoto, maremoto e alluvione. In piazza Marconi sono allestiti stand e spazi dimostrativi con la collaborazione di 42 volontari di otto organizzazioni di Protezione Civile cremonesi, coordinati dall'Amministrazione provinciale, a disposizione per divulgare ed informare sulle Buone Pratiche di Protezione Civile.

Durante la tappa maceratese, inoltre, è stato fatto il punto sui lavori di recupero e messa in sicurezza del patrimonio culturale marchigiano colpito dal sisma con le fotografie de "La Carovana dell'arte salvata: agire insieme per ripartire".

Un risultato importante, conseguito con grande professionalità, passione e spirito di sacrificio da tutti i volontari che hanno operato dal terremoto del 24 agosto per salvare il patrimonio culturale.

La campagna 'Io non rischio' è promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas, Ingv, Consorzio della rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica, in accordo con le Regioni e i Comuni interessati. "Questo è un passo imprescindibile per iniziare a ricostruire la comunità e strutturare percorsi di rinascita e ritorno dei cittadini, dei turisti e dell'economia locale nelle aree colpite".

Presente in Calabria anche il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, che ha incontrato i volontari e le volontarie della Protezione civile calabrese nonchè il direttore regionale Carlo Tansi. A Sassari, in piazza Italia, l'assessora della Difesa dell'Ambiente, Donatella Spano, ha incontrato i rappresentanti delle associazioni di volontariato del nord Sardegna che hanno aderito all'iniziativa. "È determinante diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare la popolazione sui rischi naturali".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE