Tragedia nel Vesuviano: 26enne muore in un incidente stradale

Ausiliatrice Cristiano
Ottobre 16, 2017

Una stessa auto avrebbe compiuto 6 incidenti stradali in due mesi e il dispositivo satellitare installato dalla compagnia sulla vettura, segnalava delle anomalie tra le posizioni satellitari e quando denunciato dagli assicurati. È questa la somma che un'organizzazione attiva in provincia di Taranto sarebbe riuscita a raccogliere a danno di una serie di compagnie assicurative. In otto rispondono anche di associazione per delinquere.

L'analisi della documentazione prodotta dalla compagnia assicurativa ha evidenziato altri 61 casi simili, denunciati come accaduti nel comune di Grottaglie o in paesi limitrofi fra tre veicoli: un iniziale tamponamento tra due auto che culminava con una successiva collisione tra il veicolo tamponato e una terza vettura, il tutto finalizzato a ottenere un duplice indennizzo. Stando alle ricostruzioni della polizia, gli indagati acquistavano delle vetture al solo scopo di denunciare una serie di falsi incidenti che si verificavano in un breve lasso di tempo. L'obiettivo infatti era ottenere un rapido risarcimento con la procedura prevista in regime d'indennizzo diretto. Questo affinché il veicolo non fosse riconducibile a loro e per dissimulare l'effettiva responsabilità, così da evitare i controlli da parte degli uffici antifrode delle compagnie di assicurazione.

Le indagini hanno trovato conferma anche in una serie di intercettazioni telefoniche operate all'interno di uno studio legale, dove un avvocato compiacente avrebbe messo a disposizione dell'organizzazione le proprie competenze.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE