Moratti: "Si può puntare a scudetto"

Rufina Vignone
Ottobre 16, 2017

E' la partita che gli interisti milanesi aspettano di più, è una partita che affascina.

RIGORE - "Rivisto in televisione mi è sembrato proprio rigore netto".

Tanti i temi affrontati da Moratti, tra passato e presente a partire dai paragoni tra l'Inter del triplete e quella attuale: "Da quell'Inter a quell'attuale, cederei Cambiasso, lo metterei sempre perché è importantissimo a centrocampo e Sneijder che aumentava la velocità della squadra".

La Juventus? E' sempre fortissima, ma l'Inter se regge con questo carattere e questa fortuna rimane lì fino alla fine, c'è anche la Roma. Hanno lasciato il sapore milanese della città alle due squadre e al pubblico. Hanno accusato il peso della finale di Cardiff e dopo sei scudetti sei un po' più rilassato ma tireranno fuori il carattere. Se non fosse stato per il FFP, sono certo che Suning avrebbe già regalato qualche altro giocatore a Spalletti. Non sono stati invadenti e questa è una qualità. "Padrone è inevitabilmente chi inietta denaro - ha risposto l'ex patron - L'Italia potrà tornare padrona se la situazione economica migliorerà; io però non vedo scandalo nell'ingresso di risorse dall'esterno". La Coppa Italia è un obiettivo importante per l'Inter, consente di avere la tranquillità giusta per conseguire i successi futuri.

La Champions League manca, si, quando ci sono le altre partite in settimana senti la mancanza.

L'ex presidente ha registrato segnali positivi nella vittoria sul Milan che ha permesso all'Inter di portarsi a meno 2 dalla capolista Napoli prossima avversaria in Serie A. Poi ce ne sono parecchi. - "Decisamente sì, ieri sarebbe stata davvero la sua partita". Però ieri sera abbiamo avuto la dimostrazione della poca invadenza di valori diversi da parte dei nuovi proprietari. E' difficile pensare cosa avrebbe detto, aveva una fantasia intelligente.

INVASIONE STRANIERA - "L'anima di una società rappresenta anche il carattere di chi la conduce". L'esempio arriva dall'Inghilterra, se si eccettua il City che da mediocre è diventato forte.

NOSTALGIA PER MORATTI SUL MERCATO - "Torneremo a vivere momenti piacevoli, tornerà la voglia di fare il colpo".

VAR - "All'inizio non mi entusiasmava, si interrompeva la partita e non dava seguito alle polemiche che sono invece parte del calcio". L'Inter è partita un po' in sordina, vinceva con il minimo scarto nelle prime partite. "E' un ottima cosa a cui bisogna abituarsi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE