Protezione Civile: a Piazza Cavour la giornata nazionale di "Io non rischio"

Bruno Cirelli
Ottobre 15, 2017

Hanno allestito punti informativi e condotto gruppi di cittadini nei luoghi delle città siciliane dove in passato si sono consumate calamità naturali, e spiegato ai cittadini quali comportamenti adottare in caso di sismi, alluvioni o maremoti, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzarli sui comportamenti corretti da adottare.

"Siamo lieti - sottolinea l'assessore Carlo Nulli Rosso - di poter collaborare per questa campagna d'informazione della protezione civile".

Uno dei gazebi presenta le esperienze del volontariato di protezione civile e, novità di quest'anno, in piazza è stata sistemata anche la tenda "Io non rischio" con sei postazioni seguite da tecnici del centro meteo regionale, addetti delle attività geologiche e dell'ufficio valanghe, esperti in fenomeni sismici, tecnici del Comune di Aosta e un cartografo che potranno rispondere alla domanda dei valdostani: la mia casa è sicura?

L'iniziativa nazionale sulle buone pratiche di protezione civile è stata promossa, a livello locale, in collaborazione con la Prefettura di Lucca, la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, i Comuni di Lucca e Viareggio, le Unioni dei Comuni della Garfagnana, della Mediavalle e della Versilia, e l'Autorità di Bacino del fiume Serchio. È indispensabile organizzare la nuova geografia dei beni culturali a partire dalla soluzione del problema dei depositi, che, ad oggi, risultano ancora non idonei alla conservazione delle opere. Sono i numeri della Protezione civile di Cremona e provincia, un patrimonio in termini di conoscenza del territorio e di pronta risposta alle emergenze. Due le postazioni, una è quella istituzionale della campagna, presidiata dal nucleo di Costanzanza e dalla Vapc di Cigliano, l'altra è formata dal Gruppo di Protezione Civile cittadino, che ha anche schierato alcuni dei mezzi in dotazione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE