Truffa sugli abbonamenti alle riviste delle forze di polizia: 46 indagati

Bruno Cirelli
Ottobre 14, 2017

L'operazione è del compartimento della Polizia postale e delle Comunicazioni di Cagliari, con i compartimenti di Milano, Bari, Reggio Calabria e Perugia. E gli indagati (quarantasei in tutto) sono soprattutto residenti in Lombardia.

Sono oltre 350 le vittime, 15 in Sardegna, delle truffa, per circa tre milioni di euro, scoperta dalla Polizia postale di Cagliari sugli abbonamenti a false riviste delle forze dell'ordine.

I soldi intascati con le estorsioni (ma i reati contestati a vario titolo sono anche riciclaggio, sostituzione di persona, molestie e disturbo alle persone) venivano depositati su conti bancari e postali che risultano intestati a società fittizie (ne sono state individuate 13) del settore recupero crediti. Proprio dalla denuncia presentata nell'ottobre 2016 dal parroco ha fatto scattare le indagini della Polpost.

L'intervento della Polizia di Stato ha evitato al prelato di subire ulteriori danni economici avendo già pagato circa 2.900 euro.

Avrebbero obbligato con le minacce migliaia di persone a sottoscrivere abbonamenti, a volte fasulli, alle riviste delle forze dell'ordine. Il secondo gruppo, invece, entrava in azione quando le vittime decidevano di non rinnovare l'abbonamento.

Gli investigatori coordinati dal pm cagliaritano Gaetano Porcu hanno scoperto che dietro le telefonate all'origine delle estorsioni c'erano gruppi criminali che gestivano call center clandestini, situati tra Monza e Milano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE