Call Center Almaviva: sospensione trasferimento da Milano a Rende

Bruno Cirelli
Ottobre 14, 2017

Sarebbe stato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a chiedere ai responsabili della di bloccare i trasferimenti dei lavoratori. Protestano i sindacati che denunciano i trasferimenti come "rappresaglia dell'azienda dopo la bocciatura di un accordo sulle condizioni di lavoro".

Almaviva sottolinea inoltre "che gli interventi contenuti nell'accordo avrebbero fatto registrare, sia sul piano organizzativo che sui livelli di reddito dei lavoratori, un impatto inferiore alla totalità degli accordi firmati negli ultimi cinque anni dalle stesse Organizzazioni Sindacali del settore in situazioni analoghe". E la società di call center decide di accettare l'appello del governo e ritira le misure che obbligavano 65 lavoratori a spostarsi in Calabria in vista di un incontro al Mise. Il Mise aveva anche annunciato un incontro per cercare soluzioni alternative. AlmavivA Contact, "consapevole della complessità della situazione, accoglie con responsabilità l'appello del governo a sospendere le misure finora adottate, in attesa dell'incontro in sede ministeriale, previsto nei prossimi giorni, per la necessaria definizione di un'intesa che garantisca l'indispensabile equilibrio del sito produttivo", spiega un comunicato della società.

Nella nota, Almaviva parla della fine di "un rilevante contratto da tempo gestito nel sito milanese".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE