Bologna-Spal, Donadoni punta su Destro e Palacio

Bruno Cirelli
Ottobre 14, 2017

Destro? Si sta allenando a pieno ritmo, come tutti gli altri.

Una squadra quasi al completo che offre un'ampia scelta dal punto di vista tattico "Noi abbiamo rosa che vogliamo che sia sempre competitiva e sia in salute".

Il derby sarà pure l'occasione di un primo faccia a faccia tra Donadoni e Semplici e il tecnico rossoblù per rivolgere i complimenti al collega scomoda il suo maestro Arrigo Sacchi: "Non avrà avuto passato da grande giocatore, ma il presente racconta come sia un bravo allenatore".

C'è quindi un palese vantaggio statistico per i colori felsinei, avvalorato dai risultati più frequenti che sono il 2-0, uscito 5 volte, ed il 2-1, uscito in quattro precedenti; la sconfitta peggiore del Bologna è un 1-3 del campionato 65/66, la miglior vittoria è invece un 6-0 della stagione 1920/21.

"Noi ci alleniamo ad orari che sono questi, sappiamo che vuol dire la fatica ma credo che questo ormai sia superato come ostacolo. Per noi Destro può essere un valore aggiunto e lui deve lavorare per far si che la scelta ricada constantemente su di lui". Lui deve essere convinto che per noi è un giocatore importante.

"Abbiamo gestito bene la sua situazione visto che aveva qualche problemino fisico". L'impatto sarà fondamentale, come sarà fondamentale estraniarsi da tutto e concentrarsi sulla prestazione.

Un Bologna è attualmente il primo classifica per ammonizioni mentre durante la scorsa stagione risultava essere più "docile". La sua SPAL fin qui ha ottenuto meno punti in classifica di ciò che meritava: "è una squadra vera e l'impatto sul campo sarà fondamentale".

Sono infatti solamente 24 i precedenti di Bologna-Spal, di cui ben 19 disputati in Serie A. Considerando da quando la formazione biancoazzurra non partecipava al campionato italiano più importante, si evince che questo è davvero un match che riporta le lancette indietro negli anni. È tutto un ragionamento di squadra. Ora teniamo i piedi ben piantati per terra e restiamo concentrati: deve passare ancora tanta acqua sotto i punti. Sull'ottimo momento dei rossoblù Donadoni si esprime così: "Ci deve essere sempre equilibrio nelle valutazioni: non ci si deve mai abbattere nei momenti negativi, mentre ciò che stiamo facendo non è niente di straordinario, ma alla portata".

Ultimo ma non ultimo argomento toccato in chiusura di conferenza stampa è stata la prestazione di Simone Verdi con la nazionale maggiore con gli stimoli del ragazzo che sono sicuramente aumentati "Gli stimoli devono essere per forza superiori". Credo che nelle difficoltà generali di quella gara lui non abbia demeritato. Ma come gli ho detto quando è rientrato la sua nazionale è indiscutibilmente il Bologna è quella che gli farà avere il biglietto per i mondiali. "Quindi da lui mi aspetto che lui abbia coscienza dei suoi mezzi e che li metta a servizio del Bologna".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE