Sicilia: Crocetta fa passo indietro, non ci sarà lista Megafono

Bruno Cirelli
Ottobre 6, 2017

Così il candidato alla presidenza della Regione del centro sinistra Fabrizio Micari, a margine di un confronto tra i candidati organizzato dal centro Pio La Torre nella facoltà di giurisprudenza Palermo. "Il Megafono non è solo una lista, ma un'associazione che insieme al Pd opera per il rinnovamento della politica in Sicilia in sintonia con il segretario Raciti". Si lavora anche sui nominativi per mantenere gli equilibri di coalizione nelle liste a supporto di Micari: nella lista del presidente ci dovrebbero essere oltre agli esponenti del Megafono, anche candidati provenienti dalle liste Link e Sinistra siciliana e alcuni dirigenti dem che hanno già il via libera dal partito.

"Siamo nati nel 2012 come associazione civica di movimenti, di territori, di sindaci di espressioni della società civile e, pertanto, pronti ad accogliere nelle nostre liste, altri che vengono da esperienze diverse, ma uniti dal progetto Micari presidente". Rosario Crocetta avrebbe accettato di ritirare la sua lista, il Megafono, dalla corsa alle Regionali. Alla domanda su una possibile rottura con Crocetta e sull'ipotesi che il governatore possa presentare autonomamente la lista del Megafono, Micari ha risposto: "Assolutamente, escludo che Crocetta presenterà la lista del Megafono". Un elemento che ieri Crocetta ha più volte sottolineato nel corso della lunghissima giornata di trattative. A fare pressing sul governatore è stato il Pd dopo aver preso atto che i nomi suggeriti da Leoluca Orlando non bastavano a chiudere le liste provinciali che portano il nome del candidato presidente e la dicitura Arcipelago Sicilia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE