Di Francesco: "Siamo venuti qui per vincere, guardiamo avanti con ottimismo"

Rufina Vignone
Ottobre 4, 2017

"Dobbiamo migliorare nella continuità della gara, restare corti". E Di Francesco insieme ai suoi uomini, hanno dovuto dimostrare lì, sul campo, in 90 minuti, ciò di cui erano capaci, o come ha più volte sottolineato qualcuno, "di che pasta erano fatti". Una vittoria che ha scacciato lo scetticismo e il pregiudizio di tifosi e simpatizzanti ma che soprattutto ha messo a tacere l'arroganza di chi ha creduto di avere la verità in tasca giudicando senza concedere il beneficio del dubbio.

"Lui è scugnizzo e ironico allo stesso tempo, è così anche da allenatore, ha la battuta pronta". Non penso che sia una partita che determini tutto ma resta una partita importante per rimanere agganciati ai primi posti.

Vincenzo Montella e Eusebio Di Francesco, allenatori di Milan e Roma, con un passato da calciatore.

Ünder pronto per giocare domani? Peccato ma non si poteva giocare a Genova. "Deciderò stasera se giocherà o no. In ogni caso avrò un'arma importante". Come si possono prevenire? Avevano detto che vinciamo solo le partite facili, abbiamo dimostrato che ci siamo anche in quelle difficili e che stiamo crescendo tanto.

Di certo non ancora al meglio, ma il tempo a disposizione è stato quello che è stato ed i margini di miglioramento sono enormi. Magari quel riposo forzato ci ha giovato permettendoci di recuperare le energie per l'Atletico Madrid ma mentalmente non è stata un aiuto. Ritiene che una vittoria a Milano sia un segnale e questa partita può dire qualcosa sugli obiettivi di questa squadra? Mi dispiace per il ragazzo, spero che possa dare qualcosa di più alla Roma. Nella ripresa proprio grazie a un assist di Lorenzo arriva l'occasione da tre punti, ma Florenzi si emoziona a tu per tu con Donnarumma.

Un commento sulla mancata convocazione di Nainggolan col Belgio? Secondo me bisogna andare più a fondo e sviscerare alcune situazioni. E' una responsabilità che mi piace. "Non ho visto il goal di Totti, ma sicuramente andavano a 2 all'ora" - ironizza in maniera affettuosa il tecnico Di Francesco - "La classe non muore mai. Lui è un vincente in tutto quello che fa". Sulla pazienza del calcio, dico che 90′ disfano e costruiscono, voi lo sapete bene, Mi è dispiaciuto per l'esonero di Ancelotti, un domani si potrebbe parlare anche di me.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE