Dietrofront lombardo sui vaccini. Maroni: "Con Fedeli ci siamo chiariti"

Barsaba Taglieri
Settembre 5, 2017

"Non voglio lo scontro col Governo. Non c'è alcuna posizione di conflittualità, vogliamo risolvere il problema con la leale collaborazione tra istituzioni". "Ciniero farà da testimonial per le ragioni del referendum, per la specialità della Regione Lombardia: il mondo delle imprese - ha detto il presidente della Regione Roberto Maroni in conferenza stampa dopo giunta - Nel quesito referendario si parla di specialità, tema su cui si insiste molto".

Ma la delibera della Regione non si è ancora vista. "Stiamo valutando con i nostri legali se, dopo la lettera delle ministre Fedeli e Lorenzin, vale la pena farla o se invece preferiamo optare, a questo punto, per una comunicazione interna ai soggetti interessati dalla procedura", ha spiegato Maroni.

La risposta a firma dei ministri Fedeli e Lorenzin, hanno riferito Maroni e Gallera, è arrivata lunedì mattina. "Ma a differenza delle ministre riteniamo che non tutte le nostre esigenze, per semplificare la vita dei cittadini, siano state accolte dalla circolare".

"Fra i numerosi esempi della 'specialita" della Lombardia, il Governatore oggi ha ricordato lo studio di Eurostat secondo il quale, preso il pil pro capite, se la Lombardia fosse uno Stato, sarebbe il quinto Paese in Europa, davanti persino alla Germania (36.600 euro Lombardia, 35.800 Germania, ndr).

A Milano e hinterland non c'è nessuna corsa particolare ai vaccini, per mettersi al passo con il decreto che ha elevato l'obbligo a 10 vaccinazioni. C'è però un pò di attesa da parte delle famiglie, che in molti casi aspettano istruzioni più dettagliate dai dirigenti scolastici per capire le modalità e i tempi in cui certificare la situazione vaccinale del proprio bambino. Famiglie che, nelle parole di Gallera, "hanno dubbi proprio sullo strumento dei vaccini: noi, quei dubbi vogliamo scioglierglieli e convincere tutte le famiglie a far vaccinare i propri figli".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE