Sanità: parente paziente Cardarelli denuncia, cadavere per ore vicino al bagno

Bruno Cirelli
Agosto 30, 2017

Presso l'ospedale Cardarelli di Napoli la salma di un uomo è rimasta per 4 ore su una barella, non distante da un bagno, accanto alla medicheria, di solito utilizzato dai pazienti e i loro parenti. Un fatto particolarmente grave visto che per poterne usufruirne, le persone sarebbero state costrette a passare davanti alla salma ed ai parenti in lacrime, come riferito da una testimone.

Dall'ospedale fanno però sapere che il cadavere era stato trasportato dal reparto all'interno della medicheria, come spesso accade prima del trasferimento all'obitorio, e che la donna non era autorizzata a entrare all'interno della stanza dove si trovava la barella. Si tratterebbe di S.G., paziente arrivato in codice giallo alle ore 16,46 del 29 agosto e sarebbe morto in chirurgia alle 20,30 nella stessa serata. Pertanto", conclude la nota, "la salma non è stata mai "appoggiata" nel bagno, come incautamente riportato da alcune testate online né tanto meno per tre ore.

Una ricostruzione ritenuta non veritiera dai vertici dell'ospedale napoletano, secondo cui il cadavere sarebbe rimasto per poco tempo in quell'area, nell'attesa che giungesse l'ambulanza per il trasporto alla morgue.

"Sicuramente avvieremo un'inchiesta interna ma, al momento, non riusciamo a comprendere la descrizione fatta da chi ha denunciato l'episodio", commenta il direttore del Cardarelli, Ciro Verdoliva, che sottolinea: "Il paziente è stato portato in obitorio alle 10.50 dopo essere deceduto alle 10".

Si è trattato, viene evidenziato nella nota dell'ospedale, di un paziente "già in condizioni disperate in quanto la sua patologia di base lo caratterizzava come "paziente in fase terminale". Siamo molto dispiaciuti di questo attacco. Che, incredula, a sua volta ha voluto sincerarsi di persona se davvero quel racconto fosse vero.

Sarà stata la fretta, sarà che al Cardarelli di Napoli c'è evidente carenza di personale, ma la storia di oggi è al limite tra degrado e malasanità e soprattutto quanto accaduto denota una mancanza di rispetto nei confronti dei morti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE