L'ergastolano Renato Vallanzasca si scaglia contro il poliziotto del carcere

Bruno Cirelli
Agosto 30, 2017

Protesta nel carcere di Parma, dove i detenuti della sezione circondariale (dove alcuni sono sotto osservazione per probabile radicalizzazione) si sono rifiutati di rientrare in sezione domenica pomeriggio. La popolazione carceraria da tempo protesta contro le condizioni di vivibilità all'interno della struttura. La rivolta è scoppiata a seguito del ritrovamento del cadavere di un giovane tunisino, questa notte, che si è impiccato. "I detenuti sono circa seicento unità".

All'interno del carcere, in supporto agli agenti di polizia penitenziaria, sono intervenuti polizia e carabinieri.

Intanto sono state interrotte le visite dei familiari dei reclusi programmate per oggi.

"La rivolta dei detenuti del carcere di Pisa segna un punto di non ritorno per istituzioni, governo in primo luogo e politica".

Lo rende noto il segretario generale del sindacato Osapp, Leo Beneduci.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE