Corea del Nord promette nuovi missili, dura la condanna da parte dell'Onu

Bruno Cirelli
Agosto 30, 2017

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu si è riunito al "Palazzo di vetro" in modo urgente dopo che all'alba di martedì la Corea del Nord ha sorvolato il territorio giapponese all'altezza dell'isola di Hokkaido per finire poi nel mar del Giappone frantumandosi in tre pezzi a 1.180 km dalla città di Cape Erimo. Gli Stati Uniti, invece, hanno domandato un inasprimento delle sanzioni, minacciando ancora un intervento militare se "Pyongyang continuerà nella sua azione fuorilegge".

Fonti diplomaticbhe hanno spiegato che la velocità con la quale i membri hanno reagito evidenzia una volontà di restare uniti. "Il Consiglio di sicurezza - continua - esprime la sua grave preoccupazione che la Repubblica democratica popolare di Corea stia, con un lancio del genere contro il Giappone e con le recenti azioni e le pubbliche dichiarazioni, deliberatamente minando la la pace e la stabilità della regione".

Nuova pesante provocazione militare da parte della Corea del Nord. In un incontro separato con la stampa il ministro degli Esteri giapponese Taro Kono ha definito il lancio del missile nordcoreano a sud della costa dell'Hokkaido come una decisione opportunistica per la Corea del Nord. Pechino in ogni caso "s'oppone" alle mosse della Corea del Nord che violano le risoluzioni dell'ONU, ha affermato Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri: "La situazione resta altamente sensibile e tutti dovrebbero creare le condizioni per la ripresa del dialogo e i negoziati". Infatti un razzo sull'isola di Guam, secondo il ministro, avrebbe provocato reazioni molto più preoccupanti per Pyongyang da parte degli Stati Uniti.

Come prevedibile, per la Corea del Nord è arrivata la dura censura da parte delle Nazioni Unite. "Maggiori sanzioni non risolveranno il problema".

In una nota ufficiale i 15 membri del consiglio di sicurezza hanno scritto che il paese deve adottare misure concrete per ridurre la tensione, definendola una questione di "vitale importanza".

Il leader Kim Jong Un ha ordinato che per la prima volta il lancio fosse condotto dalla capitale Pyongyang e ha dichiarato che sono necessarie altre esercitazioni con obiettivo il Pacifico, secondo quanto riferito dall'agenzia della Corea del Nord Kcna.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE