Monossido di carbonio in un B&B, una persona finisce in ospedale

Barsaba Taglieri
Agosto 10, 2017

Sono in totale 65 le persone che questa mattina sono state trattate nel pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria Nuova di Firenze, in seguito alla fuoriuscita di monossido di carbonio in un B&b in via Sant'Egidio. Quanto è bastato a far partire la chiamata ai vigili del fuoco. "Le loro condizioni cliniche -riferisce il direttore del pronto soccorso del SMN dottor Mauro Pratesi - non destano preoccupazione". Sul posto anche i vigili urbani.

Ad altri 63 pazienti, in grande maggioranza stranieri di varie nazionalità, sono state fatte le analisi del sangue per rilevare il grado di intossicazione: tutti sono stati dimessi.

E' stato un dispositivo in dotazione ai sanitari del 118 a segnalare l'alta densità di monossido nel palazzo e che è stato evacuato. Nel complesso, sono state 73 le persne che gli operatori del 118 hanno indirizzato in ospedale: venti fra ospiti e addetti del b&b, oltre a 50 studenti, che frequentano la scuola per stranieri che si trova nello stesso palazzo di via Sant'Egidio. Infine, mancano ancora ai controlli 11 persone che si sono allontanate dal palazzo stamani prima dell'allarme, quasi tutti turisti, ai quali verrà chiesto di sottoporsi ai controlli per capire se sono rimasti intossicati. Gas velenoso che era stato rilevato dal personale del 118 dopo che il padre di due giovani americani aveva trovato due ragazzi nella loro stanza che accusavano forte cefalea, uno dei due era privo di coscienza.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE