Verbania, precipita funivia Mottarone: ci sono vittime

Bruno Cirelli
Mag 23, 2021

Il bilancio fornito dalle forze dell'ordine è gravissimo: 9 morti e 2 feriti.

Poco prima delle 12.30 di oggi una delle cabine appartenenti all'impianto funiviario che collega Stresa al Mottarone si è staccata mentre era in funzione, precipitando da uno dei punti più alti della struttura.

AGGIORNAMENTO- Secondo quanto riferito da un membro della Protezione Civile a SkyTg24, ci sarebbero almeno 3 persone in gravi condizioni, due sarebbero bambini che sono stati trasportati d'urgenza in elisoccorso a Torino.

Due bambine di 9 e 5 anni sono state portate in elicottero in codice rosso al Regina Margherita di Torino. Le corse durano circa 20 minuti. Due elicotteri del 118 con personale del Soccorso alpino sono al lavoro, dalle basi di Borgo Sesia e Varallo.

Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, segue da vicino quanto avvenuto a Stresa dove è precipitata la cabina di una funivia 100 metri prima dell'ultimo pilone.

Tragedia in montagna. E' caduta la cabina della funivia Stresa Mottarone. Sulla cabina piombata al suolo nella mattina di domenica, 23 maggio, viaggiavano 11 persone.

La Funivia del Mottarone è stata chiusa nel 2014 per garantirne una revisione generale, il 13 agosto 2016 è stata riaperta. Al momento la Protezione Civile si sta recando sul luogo dello schianto, ma la zona è impervia che consiste solo in sentieri di montagna; la zona in cui è caduta la cabina non conta però abitazioni, che al momento non risultano intaccate. La manutenzione straordinaria aveva previsto, tra le altre cose, la sostituzione del motore e dei quadri elettrici. Le cabine sono state smontate, ricondizionate e rimontate con impianto acustico e videocamera di sorveglianza a bordo.

Dal Piazzale Lido, in frazione Carciano di Stresa, in riva al lago di fronte all'Isola Bella, la funivia con un tragitto della durata di 20 minuti, raggiunge quota 1491 metri.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE