Vaccino AstraZeneca, l'Oms: al momento i benefici superano rischi

Paterniano Del Favero
Aprile 7, 2021

Ma i dubbi sono sempre gli stessi: c'è una correlazione tra la somministrazione del vaccino made in Pomezia-Oxford e i rarissimi casi di trombosi, che si sono verificati soprattutto tra le donne più giovani? I test erano iniziati a febbraio e avevano coinvolto bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni, coinvolgendo circa 300 volontari.

"Sebbene non ci siano preoccupazioni per la sicurezza nella sperimentazione pediatrica, attendiamo ulteriori informazioni dall'MHRA sui rari casi di trombosi e trombocitopenia che sono stati segnalati negli adulti, prima di somministrare altri vaccini", ha precisato Pollard.

E' atteso per mercoledì il risultato della commissione della farmacovigilanza di Ema, agenzia europea dei farmaci e medicinali, che potrebbe limitare l'utilizzo del vaccino Astrazeneca per una parte di popolazione che presenti un comune denominatore. I timori che possa causare eventi trombotici vengono presi "molto sul serio", ha ribadito oggi il professor Adam Finn, membro del Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI), spiegando che la rara combinazione di coaguli di sangue e basso numero di piastrine è "anomala e fuori dalla norma", ma è fondamentale continuare la vaccinazione al fine di evitare l'aumento dei tassi di infezione.

"È presto per dire che a Genova ci sia un nesso causa-effetto - sottolinea il sottosegretario -". In questa fase, il percorso di valutazione dell'autorità "è ben lontano dall'essere concluso" e nel corso della settimana verranno fornite "definizioni preliminari", ma "difficilmente arriveremo a indicare dei limiti di età come hanno fatto alcuni Paesi". "Cosa causi questa reazione, però, ancora non lo sappiamo".

Sul tema è intervenuto anche il sottosegretarioitaliano alla Salute, Pierpaolo Sileri: "E' possibile, per maggiore precauzione, che l'Ema indichi che per una determinata categoria è meglio non usare il vaccino anti-Covid di AstraZeneca".

Intanto Rogério Paulo Pinto de Sá Gaspar, direttore del Dipartimento di Regolamentazione e prequalificazione dell'Oms, ha precisato: "È importante ribadire che i benefici continuano a superare i rischi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE