Covid: in Sicilia nell’ultima settimana dati in crescita

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 6, 2021

Per la prima volta negli ultimi giorni il numero dei nuovi contagi nell'isola scende sotto quota mille: per la precisione sono 909 su 7.561 tamponi processati, ma con una incidenza molto alta al 12%. Lo ha certificato l'Assessorato della Salutein una lettera inviata al sindaco di Palermo, che ha chiesto i dati dei contagi alle autorità sanitarie e la dichiarazione di zona rossa al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Non si superavano i 7.000 nuovi positivi settimanali dallo scorso 24 gennaio.

Con i nuovi 1.015 casi il numero degli attuali positivi in Sicilia è ora di 22.852 (ieri erano 21.925), di cui 21.725 in isolamento domiciliare (ieri erano 20.871), 974 ricoverati in ospedale con sintomi da Covid (ieri erano 902) e 153 ricoverati gravi in reparti di Terapia Intensiva (erano 152) con 13 nuovi ingressi nelle ultime 24 ore (erano stati 9 nelle 24 ore precedenti). Oggi si è registrato anche il ricovero di una paziente pugliese di 37 anni, affetta da una polmonite bilaterale, trasferita in aereo a Palermo per la saturazione di posti letto di terapia intensiva negli ospedali pugliesi.

Palermo già domani potrebbe essere zona rossa.

In calo di un'unità rispetto a ieri l'aumento di vittime: mercoledì erano 21, giovedì 19, venerdì 15, sabato 14, domenica 21, oggi 20 (al Policlinico di Messina un 92enne di Rodì Milici). "La urgente disponibilità di dati e indicazioni aggiornate - sottolinea Orlando - è indispensabile affinché questa amministrazione possa valutare, di concerto con il Prefetto e con i componenti del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, l'adozione di ulteriori eventuali provvedimenti". Rispetto alla settimana scorsa sono aumentati di 154 unità (in Terapia Intensiva sono aumentati di 24 unità). "Non si scherza con la vita delle persone", ha detto Orlando. Sono 326 le vittime in un giorno (ieri 376). Ieri i test erano stati 359.214.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE