Covid, cosa succede a Pasqua: tutte le info utili

Barsaba Taglieri
Aprile 1, 2021

Si consente il pranzo o la cena negli alberghi, ma solo ai clienti che vi alloggiano.

Previsto il rafforzamento della attività di prevenzione e di controllo del territorio anche con la convocazione di riunioni dei Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica al fine delle necessarie pianificazioni dei servizi di vigilanza affidati alle forze di polizia, con il concorso dei militari dell'operazione "Strade sicure" e delle polizie locali.

Nei giorni di Pasqua, da sabato 3 a lunedì 5 aprile, tutta Italia sarà in zona rossa.

Come mostrato sui social, è stata anche inviata una lettera aperta al Presidente del Consiglio Draghi dove viene richiesta la possibilità di visitare i congiunti e i partner non conviventi, includendo gli spostamenti.

I negozi sono chiusi con l'eccezione di quelli considerati essenziali.

Le visite a parenti e amici sono consentite all'interno della propria regione, una volta al giorno, al massimo due adulti e minori di 14 anni dalle 5 alle 22.

Si può anche andare a fare acquisti in un altro comune, qualora nel proprio non ci fossero punti vendita o nel comune vicino si riscontrasse una qualunque "disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica".

Subito dopo anche la Provincia autonoma di Bolzano ha blindato i suoi confini e ha vietato gli spostamenti, compresi quelli per raggiungere le seconde case, in Alto Adige per tutti i cittadini provenienti da zone rosse o arancione rafforzato fino al 6 aprile 2021.

Dal 3 al 5 aprile si applicano le regole da zona rossa, quindi sono limitati gli spostamenti anche all'interno del comune di residenza, per uscire di casa bisogna autocertificare i motivi di salute, lavoro o necessità, a qualsiasi ora. Sono previste però alcune deroghe. Ecco dove si potrà andare, dove sarà vietato e dove sarà obbligatorio fare il tampone prima di arrivare.

Andare in chiesa: per quanto possibile, nelle vicinanza della propria abitazione.

In ogni regione rimane il coprifuoco già in vigore.

Portare fuori il cane o l'animale da compagnia: senza assembramenti e mantenendo la distanza di un metro. Autorizzata anche l'attività motoria, individuale all'aperto.

Visita di parenti non autosufficienti.

Si può uscire dal proprio Comune soltanto per motivi di lavoro, salute ed urgenza (sempre con autocertificazione). A Pasqua e Pasquetta aperti solo farmacie, edicole, tabaccai. Bar e ristoranti sono chiusi al pubblico, ma aperti per l'asporto fino alle 18 e per le consegne a domicilio.

In un quadro ancora complicato, che fa anche i conti con una campagna vaccinale che procede a rilento, il Ministero degli Interni ha dato disposizione ai prefetti di predisporre "un particolare sforzo operativo che incida significativamente sul dispositivo dei controlli".

Ci si potrà muovere dunque verso le seconde case? Stop anche per i residenti in Campania, Liguria e Puglia. Regole rigide sì, ma anche qualche concessione su spostamenti, visite a parenti e amici e seconde case.

Possibile raggiungere le seconde case: può farlo solo il nucleo familiare "proprietario" e purchè l'abitazione non sia abitata da altri.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE