Prenotare il vaccino con Poste: come funzionerà la nuova piattaforma?

Bruno Cirelli
Marzo 29, 2021

E senza sperare di esser spediti a orari improbabili a decine o centinaia di chilometri di distanza: si potrà infatti scegliere luogo e data per ricever il vaccino, compatibilmente con la disponibilità delle dosi.

Altra opzione è lo sportello Postamat, dove si potrà inserire la propria tessera sanitaria e seguire i passaggi come per la prenotazione online.

Grazie al postino, attraverso il palmare in dotazione.

Il tutto, ovviamente, ammesso che si rientri all'interno delle categorie abilitate alla prenotazione. Lo conferma il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni, che avanza però perplessità: "La scelta viene motivata da Regione con la carenza di vaccini, ma in realtà riguarda il passaggio alla piattaforma di Aria con quella di Poste Italiane".

La piattaforma delle Poste registra anche il vaccino avvenuto, inserendo il nominativo della persona nell'anagrafe vaccinale. Insomma, si tratterà di una procedura molto più snella rispetto alla attuale, ma soprattutto più comoda per gli utenti, che potranno prendere l'appuntamento nel posto e all'orario che è loro più comodo e, soprattutto, non saranno più in balia di un algoritmo che più di una volta ha dimostrato di non essere affatto ben calibrato. Anche in questo caso basterà inserire il numero della tessera sanitaria e il codice fiscale per prenotare il vaccino senza doversi muovere da casa. A quel punto, il sistema mostrerà quali sono i punti vaccinali più vicini all'utente e permetterà di sceglierne uno. Selezionando l'hub, si aprirà un'agenda virtuale dalla quale sarà possibile vedere le date e gli orari disponibili.

Ad oggi in Lombardia possono vaccinarsi gli over 80 (compresi i nati nel 1941), chi ha un'età tra i 60 e i 79 anni e risiede in comuni "ad alto rischio" (per la provincia di Brescia: Capriolo, Iseo, Palazzolo sull'Oglio, Paratico, Pontoglio, Roccafranca, Rudiano, Urago d'Oglio; per la provincia di Cremona: Soncino), il personale delle scuole statali (docenti e non, supplenti, dirigenti scolastici), degli Istituti di Formazione Professionale (IFP), e degli Istituti Tecnici Superiori (ITS) della Lombardia, delle scuole paritarie, dei servizi educativi per l'infanzia e delle scuole per l'infanzia e del Sistema AFAM. Ed è anche per questo motivo che ancora non è stata ufficializzata una data in cui il portale di Poste sarà operativo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE