Dopo Pasqua valutiamo se riaprire nidi, materne e primarie

Bruno Cirelli
Marzo 24, 2021

Nulla di buono ci attende, chiusi a Pasqua ma chiusi probabilmente ancora fino all'11 aprile. La mini proroga post Pasqua, che dovrebbe contribuire ad arginare ulteriormente il Covid, è una delle ipotesi a cui lavora il governo.

Il decreto legge che ha attuato le attuali restrizioni, abolendo la zona gialla, potrebbe essere prolungato di una settimana. Contemporaneamente, si intende accelerare col piano vaccinale. "Già dopo Pasqua ritengo che in zona rossa, complice l'aumento delle vaccinazioni, dobbiamo rivalutare la possibilità di riaprire la scuola dell'infanzia e almeno la primaria", dice la Bonetti a Sky Tg24.

Martedì pomeriggio il premier ha fatto il primo punto con i vertici del Cts, Silvio Brusaferro e Franco Locatelli e con il ministro della Salute Roberto Speranza, che resta fermo sulla linea del rigore.

Chiusure e vaccini, non si scappa da questa "ricetta". L'eccezione della parziale riapertura delle scuole dell'infanzia e delle primarie nelle zone rosse sarebbe una sorta di compromesso.

Da allora, in tutta la Regione si sono susseguite diverse forme di protesta, dai cartelli affissi all'esterno degli istituti a veri e propri sit-in come la manifestazione "Prima a scuola!", che domenica 21 ha mobilitato migliaia di famiglie in tutta Italia, comprese quelle del Varesotto. A riaprire, quindi, oltre alle scuole materne e ai nido, sarebbero le classi dalla prima alla quinta elementare.

Nulla è ancora stabilito, si tiene a precisare.

La settimana prossima si terrà una cabina di regia con le forze di maggioranza per stringere, decidere il da farsi, adottare misure a tempo debito. Il monitoraggio dei numeri e della situazione sarà serratissimo, spiegano fonti di governo, e guiderà le scelte che Draghi e i ministri saranno chiamati ad assumere nei prossimi giorni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE