Morra, blitz con scorta al centro vaccinale: "Siete degli incapaci"

Barsaba Taglieri
Marzo 22, 2021

Così il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, avrebbe appellato i funzionari dell'Asp di Cosenza presenti nel dipartimento di prevenzione dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza al momento della sua "irruzione" negli uffici del Dipartimento di prevenzione dell'Asp cosentina. Fino a poco tempo fa, il centro si occupava delle prenotazioni dei vaccini, oggi invece per aver accesso al siero anti Covid è prevista la prenotazione sulla piattaforma informatica attivata dalla Regione Calabria in collaborazione con Poste Italiane.

"Il senatore Morra si è presentato in ufficio e ha chiesto chi fosse il responsabile", ha raccontato il dottore Mario Marino al Corriere della Sera. L'ex grillino, che si è presentato a Cosenza con la scorta, si sarebbe arrabbiato perché due suoi parenti ottuagenari non sono stati ancora chiamati per la somministrazione del vaccino. Ho cercato di tranquillizzarlo, facendolo entrare nella mia stanza, ma non c' è stato verso. "Non contento, ha chiamato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri e Guido Longo, commissario ad acta della Regione Calabria, lamentandosi con loro che a Cosenza la campagna di vaccinazione andava a rilento e che non ci sono persone all'altezza per gestire questa emergenza". "Siccome noi non dovevamo nascondere nulla - aggiunge Marino - glielo abbiamo fatto vedere anche perché continuava a sbraitare contro di me e contro gli altri dottori presenti". Il direttore, allora, gli ha spiegato che quel numero non era più attivo e che bisognava prenotarsi utilizzando la piattaforma online, ma le sue parole non sono servite a calmare Morra. Neanche quest'apertura, non dovuta da parte dell'ufficio, ha tranquillizzato Morra. "Ad un certo punto se l'è presa pure con i medici di base che non avevano comunicato i nomi degli anziani da vaccinare". Dopo aver inveito contro lo staff medico, il senatore ha sbattuto la porta ed è andato via, lasciando il direttore Marino steso su un divano con dolori al petto. Per lui è stato necessario l'intervento di un cardiologo. Stessa linea della leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni che su Facebook annuncia di andare "fino in fondo a questa vicenda e se tutto ciò corrispondesse al vero Morra farebbe bene a dimettersi immediatamente: un comportamento del genere è inaccettabile e indegno per qualsiasi rappresentante delle Istituzioni, figuriamoci per il Presidente della commissione Antimafia".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE