Vibonati, vigile urbano muore per malore: poco prima aveva fatto il vaccino

Barsaba Taglieri
Marzo 16, 2021

L'uomo è deceduto alle 20 e 30 dopo un malore. Poche ore prima nell'ospedale di Sapri gli era stata iniettata una dose del vaccino anti Covid Pfizer. Ma la Procura di Lagonegro ha disposto il sequestro della salma per effettuare tutti gli accertamenti del caso.

Al momento non è possibile appurare una correlazione tra la morte di Michele Quintiero e la somministrazione del siero. Il cadavere sarà sottoposto ad autopsia per stabilire le cause del decesso.

Il direttore sanitario del nosocomio saprese, Rocco Calabrese, nell'esprimere dispiacere per quanto accaduto, ha precisato che "non è dimostrabile una relazione causale con la somministrazione del vaccino". Subito dopo aver ricevuto la dose del vaccino, l'uomo ha regolarmente atteso con i medici i 15 minuti canonici di osservazione, non lamentando alcun disturbo. Dall'ospedale, come detto, ripetono che sono stati rispettati tutti i protocolli previsti per la vaccinazione.

Le persone che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca in questi giorni non devono preoccuparsi; in Trentino fino ad ora il sistema di farmacovigilanza non ha registrato reazioni avverse immediate o problematiche di alcun tipo associate al vaccino in questione.

Fatto sta che in Italia, dopo i sei casi sospetti a fronte di oltre un milione di somministrazioni, il rischio è che tra i cittadini possa diffondersi un inevitabile scetticismo di fondo verso il vaccino di AstraZeneca, anche se l'Aifa dovesse dare di nuovo un disco verde al suo utilizzo dato che l'attuale stop è stato definito "precauzionale e temporaneo". Si era sottoposto al vaccino insieme a una collega della polizia locale in qualità di volontario della Protezione civile.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE