Vaccino Covid, il commissario Figliuolo: "Entro l'estate tutti vaccinati. Decisivo Johnson&Johnson"

Barsaba Taglieri
Marzo 13, 2021

Il premier Mario Draghi deve ancora entrare nel tendone. Dopo un confronto tra il presidente facente funzioni Nino Spirlì e il Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, il generale Francesco Paolo Figliuolo, è stato deciso di inviare nel territorio un team di supporto, composto da personale della Difesa e della Protezione civile nazionale, per affiancare gli operatori occupati nella somministrazione dei vaccini.

Il Generale Figliuolo dichiara le dosi di Johnson&Johnson fondamentali per riuscire a vaccinare tutti quanti entro l'estate.

"Puntiamo a chiudere la campagna entro l'estate, se faremo prima saremo stati più bravi".

Nonostante l'evidente sforzo logistico che dovrà sostenere, il generale Figliuolo si è detto "molto ottimista per la riuscita del piano" e lo ha fatto riferendosi soprattutto alla questione tempi. Mi stanno chiamando tutti, l'Eni, l'Enel, il Coni, i medici sportivi. "Vogliono dare una mano e mettersi a disposizione". "I problemi li risolveremo quando arriva Johnson&Johnson - prevede il commissario -. Ci consegneranno 25 milioni di dosi e, poiché se ne fa una soltanto, è come se ne arrivassero 50 milioni". Le notizie trapelate sulle difficoltà comunicate all'Europa dall'azienda americana riguarderebbero proprio rallentamenti su produzione e consegne.

Sugli effetti del vaccino AstraZeneca, il commissario è sicuro: "Ha lo 0,002 per cento di casi assoggettabili a patologie gravi". Se andrà male, tornerò a fare quello che facevo prima. "Si tratta di un farmaco che dà una carica importante di anticorpi sin da subito". "Sono arrivati alla categoria 79-80 anni, più le forze armate, i vigili e le categorie fragili", ha ricordato il generale, evidenziando però come altre realtà non stiano andando a un passo altrettanto spedito. Una decisione che nasconde un retroscena perché, come si legge in un'intervista ripresa dal Corriere della Sera, il sostituto di Arcuri ha ammesso di essere preoccupato per "alcune Regioni tra cui la Calabria".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE