Covid, De Luca: contiamo di liberare la Campania entro il 2021

Rufina Vignone
Marzo 13, 2021

Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, nel suo consueto appuntamento social del venerdì ha dato le ultime sull'emergenza-Covid: "Ormai si registrano 2.700 positivi al giorno, di cui 500 sintomatici. Ci sono quelle nazionali ma vediamo di approvvigionarci anche autonomamente", ha detto De Luca. Dobbiamo evitare che ci sia la saturazione dei posti letto in terapia intensiva e che non ci sia più un posto in area Covid. "Si sta a casa quando non è assolutamente indispensabile andare fuori casa". "State a casa. Siamo in una situazione per la quale quasi in ogni condominio c'è un nostro concittadino che muore". Il problema è che il vaccino Pfizer, necessario per queste categorie, non c'è nella misura necessaria. "Ancora non tutti hanno capito la gravità del momento - dice il governatore - e ci sono comportamenti ancora da ordinaria amministrazione".

Secondo il governatore campano "persino alcuni profili istituzionali si muovono con totale indifferenza di fronte a questa guerra".

Noi abbiamo cominciato la vaccinazione con il personale scolastico. De Luca, cita, il caso del ministero dell'Istruzione "al quale abbiamo chiesto conferma se le persone inserite nell'elenco fossero effettivamente dipendenti e loro hanno risposto che non potevano dirlo per motivici di privacy".

Il Presidente della Regione fa poi un punto sulla situazione della campagna vaccinale e precisa: "Viene utilizzato il vaccino Pfizer-Moderna per chi ha patologie più gravi, mentre per altre persone che non hanno particolari problemi viene utilizzato l'AstraZeneca. I due vaccini camminano su binari diversi - ha concluso - qualcuno a volte ha la sensazione che si stanno vaccinando persone che non rientrano nella priorità, è che per non rimanere fermi si utilizza l'altro vaccino, due vaccini diversi e due percorsi diversi".

"Dalla prossima settimana inizieranno le vaccinazioni per le persone disabili, i malati cronici, le persone fragili". Purtroppo, il vaccino Pfizer-Moderna non è disponibile in quantità sufficienti: "soltanto in Campania, abbiamo 1 milione di cittadini considerabile come categoria più fragile". Con quest'affermazione, sono rientrati tutti i lavoratori.

Sulle classi professionali da vaccinare: "L'equivoco è stato dato da un'affermazione del Governo che ha considerato come prioritarie anche categorie che svolgono lavori di pubblica utilità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE