Decreto Sostegno, stop ai codici Ateco e blocco licenziamenti fino a giugno

Paterniano Del Favero
Marzo 4, 2021

Decreto atteso fine prossima settimana. Oltre ai ristori promessi, infatti, ci sarà il prolungamento del blocco dei licenziamenti, ma anche un nuovo rinvio delle cartelle.

Le fasce di indennizzo sono del 30% per imprese e professionisti con un fatturato di 100 mila euro annuo; 25% da 101 a 400 mila euro l'anno; 20% da 401 mila a 1 milione; 15% da 1 a 5 milioni. Comincia a prendere corpo il dl sostegno tra le prime bozze e le dichiarazioni degli esponenti del governo.

Oramai è ufficiale, in seguito alla formazione del nuovo Governo italiano, presidiato da una figura di spicco, quale l'economista italiano ed ex banchiere della Banca Centrale Europea, come Mario Draghi, non c'è da sorprendersi dei forti cambiamenti a cui si sta assistendo, come quello dell'addio definitivo al nuovo decreto-legge, il Decreto Ristori Quinqus, il quale avrebbe dovuto portare all'introduzione di nuovi bonus, indennizzi e sostegni economici in favore dei cittadini italiani. La stessa scelta di ribattezzare il provvedimento con un nuovo nome indica la volontà di marcare una discontinuità con i Ristori del governo giallo-rosso.

Ecco quindi quali saranno le principali novità che saranno introdotte con il nuovo Decreto Sostegno, quali saranno i fortunati che potranno accedere agli indennizzi economici e ai vari bonus che saranno introdotti e tutti gli altri dettagli del nuovo decreto-legge.

Decreto Sostegno, quando arriva. E' una bozza provvisoria che subirà modifiche e integrazioni nelle riunioni tecniche e di governo che si stanno intensificando in questi giorni.

A questo proposito, tra le nuove misure che saranno approvate con il nuovo Decreto Sostegno vi è innanzitutto la proroga dello stop alle cartelle esattoriali, la quale scadenza era stata prevista per lo scorso 28 febbraio.

Proroga stop invio cartelle - Sospensione fino al 30 aprile, data in cui è attualmente fissata la fine dello stato emergenziale, dell'invio di nuove cartelle e pagamento della "rottamazione ter" e "saldo e stralcio". Ieri il premier Mario Draghi ha ricevuto il direttore dell'Agenzie delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini. Licenziamenti bloccati fino a fine giugno e proroga della Cig Covid per tutto il 2021. Il decreto prevederà probabilmente anche il superamento dell'utilizzo dei codici Ateco per la ripartizione degli aiuti economici, che in passato avevano sollevato non poche polemiche a fronte di alcune esclusioni ed errori numerici, e interventi per 2,7 milioni tra imprese e professionisti con fatturato fino a 5 milioni di euro. La percentuale di risarcimento sarà tarata sul fatturato.

Il dl sostegno dovrebbe stanziare 2 miliardi di euro per il finanziamento del piano vaccini, inclusi antivirale, trasporto, somministrazione (nella prima fase intervengono i medici di famiglia e poi nella seconda anche i farmacisti). "Le imprese - ha aggiunto la capogruppo FI al Senato - hanno bisogno di liquidità, risorse a fondo perduto tenendo conto anche dei costi fissi che hanno continuato a lievitare nonostante le chiusure delle attività". Ovviamente si tratta solo di primissime ipotesi che dovrebbero poi essere confermate.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE