Sarkozy condannato a tre anni, uno di carcere

Barsaba Taglieri
Marzo 3, 2021

L'ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, è stato condannato oggi a 3 anni - 2 con la condizionale - per lo scandalo delle intercettazioni. Il primo fu Jacques Chirac, predecessore di Sarkozy, coinvolto nella vicenda dei falsi impieghi al Comune di Parigi, quando era sindaco della capitale. Insieme agli altri due imputati, l'avvocato Thierry Herzog e il magistrato Gilbert Azibert, Sarkozy è accusato di aver ottenuto nel 2014 alcune informazioni riservate che lo riguardavano dallo stesso Azibert in cambio di un posto di rilievo alla Corte di revisione giudiziaria a Monaco. L'accusa aveva chiesto una condanna a 4 anni. Secondo la ricostruzione dell'accusa, accolta in maniera sostanziale dal giudice, Sarzozy si sarebbe reso protagonista di quello che la presidente del tribunale ha definito "un patto di corruzione" e di un traffico di influenze grazie al suo ruolo di capo dello stato e al relativo prestigio accumulato. L'ex presidente francese potrà scontare ora la sua pena ai domiciliari e con un braccialetto elettronico ma l'anno potrebbe anche essere tramutato in regime di semilibertà con in lavori socialmente utili. La difesa di Sarkozy, che è in attesa di sentenze in altri due processi a suo carico, annuncerà con ogni probabilità il ricorso in appello.

Altro processo per Sarkozy - Sempre in questo mese Sarkozy affronterà un altro processo, con altre 13 persone, per accuse legate a finanziamenti illegali della sua campagna presidenziale nel 2012.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE