Chi era Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso nell'agguato in Congo

Geronimo Vena
Febbraio 26, 2021

"Oggi è una giornata buia e molto triste per il nostro Paese - ha dichiarato il ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio - Abbiamo appreso con grande sgomento e immenso dolore della morte del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e di un militare dell'Arma dei Carabinieri, Vittorio Iacovacci". Sono loro le vittime del vile agguato a un convoglio delle Nazioni Unite.

Il diplomatico, senza scorta perché la strada era considerata sicura, si stava recando a visitare il programma di distribuzione di cibo nelle scuole del World Food Programme. L'attacco, da quanto si apprende fino ad ora, sembra facesse parte di un tentativo di rapire il personale Onu.

Era uno dei più giovani ambasciatori italiani nel mondo. L'anno scorso Luca Attanasio aveva ricevuto il Premio Internazionale Nassiriya per la Pace "per il suo impegno volto alla salvaguardia della pace tra i popoli".

Luca Attanasio si era laureato con il massimo dei voti all'Università Bocconi, specializzandosi con un master in politica internazionale.

Attanasio era stato premiato con il Premio Internazionale Nassirya per la Pace, "per aver contribuito alla realizzazione di importanti progetti umanitari distinguendosi per l'altruismo, la dedizione e lo spirito di servizio a sostegno delle persone in difficoltà". Subito dopo era cominciata la sua esperienza a livello europeo come capo dell'ufficio Economico e Commerciale a Berna, in Svizzera. In Africa arrivò nel 2010, come Console Generale reggente a Casablanca, in Marocco.

Chi era l’ambasciatore Luca Attanasio. L’impegno umanitario in Africa, e quella volta che lo andò a trovare Zoro

Dal 5 settembre 2017 si trovava in Congo, come detto prima come Capo Missione e poi come Ambasciatore Straordinario Plenipotenziario accreditato nella Repubblica Democratica.

Il sindaco di Limbiate, in provincia di Monza e Brianza, dove l'ambasciatore tornava, quando poteva, per salutare i suoi parenti, ha disposto le bandiere a mezz'asta in segno di lutto.

"Era andato a portare la pace ed è stato ucciso". Luca Attanasio 43 anni era originario di Saronno (MI), Vittorio Iacovacci 30 anni di Sonnino (LT).

Dopo alcuni anni nell'Esercito, come paracadutista della Folgore a Livorno, era poi stato accettato nell'Arma nel 2016.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE