Pensione anticipata a 57 anni: ecco quanto è possibile richiederla

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 20, 2021

Votata la fiducia al nuovo Governo Draghi, si potrà finalmente cominciare a sciogliere alcune spinose questioni, tra cui anche la riforma del sistema previdenziale.

Il decreto del 18 aprile 2018 stabilisce che possono presentare domanda di pensione con i requisiti per lavoratori gravosi tutti coloro che, al compimento dei 66 anni e 7 mesi hanno maturato almeno 30 anni di contributi e che hanno svolto attività gravosa per almeno 7 negli ultimi 10 anni che precedono la pensione. Pertanto, pare proprio che la misura di anticipo pensionistico terminerà il 31 dicembre di quest'anno.

Per accedere alla pensione anticipata è necessario soddisfare il requisito contributivo richiesto, indipendentemente dall'età anagrafica.

L'idea di una pensione anticipata resa più flessibile dalla correzione dei contributi andrebbe nella direzione attuariale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo a 67 anni, età prevista per la pensione di vecchiaia, mediante rapporto con il coefficiente di trasformazione corrispondente all'età effettiva di uscita dal lavoro, ad esempio 63 o 64 anni.

Nel suo caso, pur compiendo 57 anni nel corso del 2021, raggiunge, sempre quest'anno i 42 anni di contributi. La correzione permettere di rendere aggiornati i coefficienti permettendo, nel contempo, anche un ripensamento dell'attuale schema di indicizzazione delle pensioni. I dipendenti coinvolti, con gli scivoli a oneri ridotti per le imprese, verrebbero accompagnati alla pensione con risparmi di attesa fino a cinque anni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE