Stati Uniti: polizia usa spray urticante contro bambina

Bruno Cirelli
Febbraio 2, 2021

Gli agenti l'hanno prelevata con la forza mentre continuava a gridare "voglio il mio papà", immobilizzata con la faccia sulla neve, ammanettata e le hanno spruzzato una sostanza irritante sugli occhi perché si rifiutava di entrare nell'auto.

Il video dura ben 17 minuti ed è stato girato dalla body cam di un poliziotto. Anche se Biden ha sfruttato il movimento Black Lives Matter per essere eletto. A un certo punto, un agente dice: "Ti comporti come una bambina" e la piccola risponde "Sono una bambina". "Da questo video è chiaro che dobbiamo fare di più per sostenere i nostri bambini e le nostre famiglie". Il vice capo della Polizia di Rochester Andre Anderson ha detto che la bimba, di appena 9 anni, è stata portata al Rochester General Hospital per alcuni controlli e poi dimessa. Quando gli agenti hanno cercato di mettere la 9enne in una macchina della polizia per portarla in un ospedale, la piccola si è opposta, prendendo a calci uno degli agenti. Il video, pubblicato domenica dalla polizia, mostra uno di essi ammanettare la ragazza mentre lei urla ripetutamente di volere suo padre e si rifiuta di salire in auto. E' possibile sentire anche un'altra voce, probabilmente un'agente donna, dire: "Stai seduta, questa è l'ultima possibilità oppure ti spruzzo negli occhi".

"Quello che è successo venerdì è stato semplicemente orribile e ha giustamente indignato tutta la nostra comunità", ha commentato il sindaco di Rochester, Lovely Warren. "Lavoreremo per assicurare che queste cose non succedano più", ha poi concluso, con la sindaca Warren che ha detto che verrà avviata un'inchiesta interna. Siamo a Rochester, stato di New York, già scenario di un altro fatto che diede vita a manifestazioni di protesta contro la polizia, in seguito alla morte di Daniel Prue, un ragazzo afroamericano con seri problemi mentali, morto asfissiato dopo che gli stessi poliziotti gli avevano coperto la testa con un cappuccio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE