Covid Italia, 1 febbraio: 7.925 nuovi casi e 329 morti

Bruno Cirelli
Febbraio 2, 2021

La pressione sul Morelli, ospedale covid-19 della provincia di Sondrio, non accenna a diminuire quando sono trascorsi undici mesi dall'inizio della pandemia e cinque dal manifestarsi della seconda ondata, anzi, negli ultimi tre giorni, confermando la tendenza delle ultime settimane, si è registrato un aumento dei ricoverati, da 99 a 101. Tre i decessi, mentre 51 persone hanno sconfitto il virus. A livello regionale, i contagi totali sono 514, con l'indice di positività che scende dal 5,8% al 4,7%.

Non sono pochi gli esperti che predicano prudenza nonostante i dati incoraggianti degli ultimi giorni: "Febbraio e marzo saranno quelli più difficili", ha detto al Messaggero Walter Ricciardi, consulente scientifico del ministro della Salute e docente dell'università Cattolica, aggiungendo che "avremo un incremento dei nuovi casi positivi fra tre-quattro settimane".

≪Ci troviamo in una situazione di modesta ma costante crescita - spiega la dottoressa Chiara Rebucci, responsabile dei reparti covid-19 -: i reparti per acuti sono saturi e abbiamo nuovi casi. Il totale dei casi positivi diventa quindi 227.639 così suddivisi su base provinciale: 20.377 Alessandria, 11.836 Asti, 7.831 Biella, 31.305 Cuneo, 17.844 Novara, 118.829 Torino, 8473 Vercelli, 8173 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1156 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1815 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. Mentre il tasso di positività è 5,6% (l'approssimazione di 5,56%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 5 sono risultati positivi; ieri era 5,3%.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE