Commisso: "Non metterò più soldi nello stadio"

Rufina Vignone
Febbraio 2, 2021

Invece la Mercafir è stata un'altra buffonata, e dopo la legge favorevole agli stadi il Ministero ci ha detto che non si poteva comunque fare come volevo io. Ora siamo al punto di prima, con Campo di Marte, col Franchi; la sovrintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo e io ho risposto: se è un monumento, portate i soldi voi, perché ai monumenti deve pensarci lo Stato.

Commisso stadio Fiorentina - "Dopo che il Comune di Firenze ha parlato di stadio per 15-20 anni, pensavo fosse preparato per lasciarmi fare qualcosa". Allora non si useranno così i soldi di Rocco.

Rocco Commisso è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Anch'io Lo Sport esprimendo parere contrario rispetto alla possibile riapertura degli impianti sportivi in A nel breve termine.

Ben diverso il tono quando ha parlato del centro sportivo, il progetto di cui è più orgoglioso. Voglio lasciare qualcosa, da quando è stata fondata la Fiorentina non ha mai avuto nulla di proprietà.

La squadra, dopo le difficoltà iniziali, è risalita in classifica e il giudizio sull'operato dell'allenatore subentrato a Iachini nel mese di novembre è chiaro: "Prandelli?". I risultati contano e conta pure la meritocrazia.

Quanto al futuro di Ribery ha spiegato: "In queste settimane mi pare di aver capito che vorrà forse rimanere qui, vediamo nei prossimi mesi". Vlahovic? Due mesi fa dicevano di mandarlo in Serie B. Prandelli ha riconosciuto il valore del ragazzo e guarda cosa è successo: il ragazzo è fiorito e ora tutti lo vogliono. "Kokorin? Finora l'ho visto nei video, mi fido di Pradè". Nessuno vuole vincere più di me, ma io metto i soldi e vi dico che serve pazienza. "Lo scudetto? Speriamo" ha concluso sorridendo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE