Myanmar: colpo di stato, arrestata Aung San Suu Kyi

Bruno Cirelli
Febbraio 1, 2021

Il colpo di stato in Birmania ha portato anche alla chiusura di tutte le banche del Paese da oggi fino a nuovo ordine, e al contempo sono sospesi anche i servizi di prelievo automatici - ha annunciato l'associazione birmana degli istituti bancari. Aung San Suu Kyi, la Consigliera di Stato, (l'equivalente di un primo ministro in Italia) è stata arrestata dall'esercito nel corso di un colpo di stato. Lo ha annunciato Myo Nyunt la portavoce del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia (LND). Tutti i poteri sono stati trasferiti al generale Min Aung Hlaing, capo delle forze armate. Ad annunciare il radicale cambio al vertice del potere è stato lo stesso esercito birmano, dopo aver proclamato lo stato di emergenza per un anno e aver specificato che indirà nuove elezioni "libere e regolari" alla fine dello stato di emergenza. Costernata la comunità internazionale; con un ferma condanna del golpe da parte delle Nazioni Unite, dell'UE e di vari Paesi, fra i quali gli Stati Uniti. "L'Ue è con loro", ha scritto Borrell.

"Condanno fermamente il colpo di stato dei militari" in Birmania "e chiedo un immediato rilascio dei detenuti". La Cina, uno dei paesi da cui la fragile economia del Myanmar dipende di più, ha invitato le parti a "rispettare la Costituzione e mantenere la stabilità". "Il risultato delle elezioni deve essere rispettato e deve essere ripristinato il processo democratico". Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, su Twitter.

Le elezioni con cui la National League for Democracy di Aung San Suu Kyi aveva vinto l'83 per cento dei seggi non sono piaciute all'esercito, che adesso vuole far fuori la leader del lentissimo processo di democratizzazione del paese. Dopo qualche anno di apparente condivisione della linea politica con Aung San Suu Kyi, qualcosa in Birmania - dove da decenni è in atto un'orrenda pulizia etnica - si è evidentemente rotto. "Il voto del popolo deve essere rispettato e i leader civili rilasciati". Un crescendo di tensioni sfociato nelle scorse ore con l'arresto - da parte delle Forze Armate - della Premio Nobel per la Pace, insieme ad altri alti esponenti della Lega nazionale per la democrazia, al Governo. Il presidente Joe Biden è stato immediatamente informato del colpo di stato. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE