Russia, "oltre 3400 arresti in proteste per Navalny: 300 minorenni"

Bruno Cirelli
Gennaio 26, 2021

Il garante per le comunicazioni russo ha chiesto a TikTok di rimuovere tutti i video nei quali viene chiesto agli studenti di partecipare alla protesta. Le manifestazioni sono cominciate dal mattino in tutte le città della Russia a cominciare da quelle della costa orientale. L'altra cosa che colpisce di queste ultime proteste è la loro portata geografica, hanno infatti toccato anche molte città che finora erano considerate. "Non corrispondono alla realtà, sono menzogne", ha detto Peskov. Tutti i suoi sintomi riconducevano ad un avvelenamento da agente nervino, lo stesso che ha portato alla morte a Londra dell'ex spia Skripal.

Tra gli arrestati c'era la moglie di Navalny, Julia.

Secondo la testata online Meduza, oltre 20 persone sono state fermate nei pressi di Piazza Pushkin.

"Se la nostra Ambasciata avesse reagito in questo modo quando negli Stati Uniti imperversavano i disordini. allora, immagino, avrebbe causato un certo disagio a Washington".

Yulia era stata identificata proprio grazie ai post pubblicati su Instagram.

Nel frattempo il Cremlino ha accusato l'ambasciata americana a Mosca di "interferenze" negli affari interni della Russia dopo le manifestazioni antigovernative svoltesi ieri in diverse città per chiedere la liberazione di Navalny.

Pugno pesante della polizia di Vladimir Putin contro i manifestanti scesi in piazza in tutto il Paese per protestare contro l'arresto di Aleksey Navalny, il principale oppositore del presidente.

Le autorità affermano che il suo soggiorno in Germania ha violato le disposizioni di una condanna sospesa in una condanna penale del 2014, mentre Navalny afferma che la condanna era basata su accuse inventate.

La situazione in Russia è esplosiva, il primo week end di proteste sembra solo l'inizio di un movimento che punta alla cacciata di Putin, considerato il centro del sistema politico corrotto che ha avvelenato la Russia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE