Arrestato ad Amsterdam "El Chapo asiatico", capo di un impero della droga

Bruno Cirelli
Gennaio 26, 2021

Il cittadino canadese di origine cinese è indicato come capo dell'organizzazione "The Company", che domina un mercato di droga illegale da 70 miliardi di dollari in Asia.

Spesso protetto da atleti campioni di kickboxing thailandese come guardie del corpo, di Tse si sa anche che non disdegna la frequentazione dei casinò e, stando a fonti di polizia citate da media internazionali, avrebbe anche perso 66 milioni di dollari in una sola serata sui tavoli verdi di Macau.

"El Chapo asiatico" arrestato ad Amsterdam: così è stato preso il più ricercato al mondo.

È finito in manette Tse Chi Lop, l'uomo considerato a capo di una delle più grandi bande di narcotrafficanti del mondo e per questo soprannominato el Chapo dell'Asia, ovvero la versione orientale del re del narcotraffico sudamericano Joaquín Guzmán. 'Specializzato' nelle metanfetamine e nella loro nella distribuzione al dettaglio: nascoste nelle bustine da te'.

Tse Chi Lop, 56 anni, è stato arrestato dalla polizia olandese su mandato di cattura emesso dalle autorità giudiziarie australiani che ora probabilmente ne chiederanno l'immediata estradizione per portarlo in giudizio.

Secondo l'Australian Federal Police, il suo cartello è responsabile del 70% delle droghe che entrano nel Paese.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE