Regeni: Zingaretti, 'ci uniamo ad appello Mattarella, ferita aperta'

Rufina Vignone
Gennaio 25, 2021

Mattarella: "Vicinanza e solidarietà ai genitori di Giulio" - "Sono trascorsi cinque anni da quando un giovane italiano, impegnato nel completare il percorso di studi, ha visto crudelmente strappati i propri progetti di vita con una tale ferocia da infliggere una ferita assai profonda nell'animo di tutti gli italiani", ha sottolineato Mattarella. Cinque anni di silenzi assordanti da parte del Cairo che, tra depistaggi e mancate risposte alla Procura di Roma che indaga sull'omicidio, non ha mai dimostrato di voler realmente raggiungere la verità su quanto accaduto in quei giorni a cavallo tra gennaio e febbraio del 2016 e che precedettero il ritrovamento del corpo straziato di Giulio lungo la strada che dalla capitale porta ad Alessandria. Dal canto nostro continueremo a lavorare affinché la verità possa emergere e questi tristi accadimenti diventare uno sprone per l'intensificarsi delle reti diplomatiche e per la salvaguardia dei diritti umani.

"Il 25 gennaio, 5 anni fa, Giulio Regeni veniva sequestrato e poi brutalmente torturato e ucciso dalle forze di sicurezza egiziane".

"Presto il processo" - Le "gravi responsabilità" accertate dalla Procura di Roma "saranno presto sottoposte al vaglio di un processo, per le conseguenti sanzioni ai colpevoli", ha aggiunto il Capo dello Stato. "Si tratta di un impegno responsabile, unanimemente atteso dai familiari, dalle istituzioni della Repubblica, dalla intera opinione pubblica europea".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE