Va offline anche il social Parler

Geronimo Vena
Gennaio 12, 2021

La decisione di sospendere la fruizione dei server che sfruttando la tecnologia cloud permettevano a Parler di raggiungere un grande numero di clienti arriva sulla scorta di quanto accaduto nei giorni scorsi a Washington; per unanime opinione Parler è stato la piattaforma principale usata per organizzare l'assalto al parlamento americano. "E un ritardo anche di un solo giorno" nel concedere l'ordine restrittivo "potrebbe anche far suonare la campana a morto per Parler, mentre il presidente Trump e altri si spostano su altre piattaforme". Parler non è più raggiungibile in alcun modo dagli utenti.

Una di queste é proprio Parler, social che l'azienda di Cupertino ha deciso di depennare dall'App Store nella speranza di recidere il preoccupante tam-tam complottistico che vedrebbe il presidente eletto Joe Biden come un usurpatore controllato dai poteri occulti. La Mela ha motivato il blocco del social network, noto per la carenza di filtri e particolarmente amato negli Usa dai fan più estremisti di Donald Trump, con il fatto che Parler non ha preso le misure necessarie ad arginare i discorsi di odio e violenza, specie in occasione e in seguito dell'assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio scorso. Così, dopo essere sparito dal Google Play Store e dall'App Store di Apple, il social network Parler è scomparso dai server Amazon alle 9 circa di stamattina (ora italiana).

PARLER | Il messaggio di Enrique Tarrio uno dei capi della milizia dei Proud Boys
PARLER | Il messaggio di Enrique Tarrio uno dei capi della milizia dei Proud Boys

"Parler non ha preso le misure adeguate per affrontare il proliferare di queste minacce sulla sicurezza della gente"., recita una nota ufficiale di Apple. Il Ceo di Parler, John Matze, aveva anticipato il clamoroso intervento dell'azienda di Bezos annunciando agli utenti della possibile interruzione del servizio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE