A Camera Usa articolo impeachment, incitamento insurrezione

Bruno Cirelli
Gennaio 12, 2021

L'assalto al Congresso che ha provocato la morte di quattro manifestanti e un poliziotto ha profondamente scosso l'America, segnando una sorta di punto di non ritorno per le residue ambizioni politiche di Trump e la sua famiglia.

Con la motivazione di un "incitamento all'insurrezione", 195 dei 222 membri dem alla Camera hanno firmato una richiesta di impeachment ma questa ipotesi non sembrerebbe entusiasmare Joe Biden.

Il 20 gennaio ci sarà l'inaugurazione della nuova presidenza degli Stati Uniti e i sostenitori più estremisti di Trump promettono di tornare a Washington, e anche in ognuna delle cinquanta capitali degli stati dell'Unione per contestare ancora la vittoria di Biden e del partito democratico.

Il voto della Camera sulla messa in stato d'accusa dovrebbe tenersi entro la settimana. "Man mano che passano i giorni l'orrore dell'attacco in corso alla nostra democrazia perpetrato da questo Presidente si è intensificato e con esso la necessità immediata di agire".

Nel documento è citata anche la telefonata al segretario di Stato della Georgia, a cui ha chiesto di trovare i voti necessari per ribaltare il risultato nello Stato e vincere.

Trump, impeachment: oggi la richiesta dei Dem. Biden frena ancora

I democratici chiedono anche l'interdizione dai pubblici uffici, poiché il presidente potrebbe costituire una minaccia anche per il futuro.

Intanto i repubblicani hanno bloccato alla Camera una risoluzione che chiede al vice presidente Mike Pence di invocare il 25esimo emendamento della Costituzione e rimuovere il presidente Donald Trump dall'incarico.

I dubbi, come scritto qui, sono molti. Secondo Alan Dershowitz, che difese Trump nel primo processo per impeachment, la risoluzione depositata dai democratici non ha alcun senso: "Difenderei di nuovo il primo emendamento dai tentativi di trasformare la Costituzione in un'arma tra fazioni nel breve periodo - ha dichiarato al Corsera - è semplicemente sbagliato". Pence e diversi ministri temono un altro "Horror show".

Gli annunci segnalano che i donatori corporate americani, che tradizionalmente distribuiscono prebende a tutto l'arco costituzionale, stanno rivedendo le loro strategie di spesa dopo che i sostenitori del presidente Donald Trump hanno attaccato il Congresso per impedire la certificazione della vittoria di Biden. La Camera prenderà in considerazione l'impeachment mercoledì.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE