Usa, Cnn: Pence non esclude 25/o emendamento se Trump diventa più instabile

Bruno Cirelli
Gennaio 11, 2021

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti nella giornata di oggi voterà una risoluzione che determini l'invocazione del 25° emendamento da parte del vicepresidente americano Mike Pence così da attuare la rimozione dei poteri per il presidente Donald Trump.

Il vicepresidente non esclude l'opzione prevista dalla Costituzione americana per rimuovere il presidente uscente, nel caso in cui divenisse più instabile.

L'ombra del 25esimo emendamento su Donald Trump. Lui e i suoi colleghi, tuttavia, preferirebbero che il tycoon si dimettesse prima di allora o che il vicepresidente Mike Pence prendesse provvedimenti.

Secondo Nancy Pelosi, "il presidente Trump è una minaccia imminente alla Costituzione e alla democrazia americane". Trump sarebbe il primo presidente degli Stati Uniti nella storia ad avere due procedimenti d'impeachment aperti contemporaneamente contro di lui.

Qualora Pence dovesse rifiutarsi, si tratterebbe della seconda volta in cui Donald Trump verrebbe sottoposto alla procedura di impeachment nel corso del suo mandato.

Oltreoceano è alto infatti il timore che Donald Trump possa non avere la lucidità per restare il comandante in campo in questi ultimi giorni della sua amministrazione, senza contare la polemica innescata dalla speaker dem Nancy Pelosi sull'avere in mano i codici delle testate nucleari. In una lettera al presidente eletto, i deputati conservatori avvertono: una messa in stato di accusa rischia di infiammare i sostenitori di Donald Trump e di creare tensioni, oltre a danneggiare gli sforzi di Biden per unire il Paese.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE