Napoli la città rimasta è mille culure'. Sei anni senza Pino Daniele

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 7, 2021

Pino Daniele, poliedrico musicista classe '55, si appassiona alla musica in tenera età e da quel momento, per fortuna, non abbandona più il suo sogno di diventare cantante.

Pino Daniele, a sei anni dalla sua scomparsa. E' uno dei passaggi della lettera aperta che Nello Daniele, fratello di Pino Daniele, ha dedicato al cantautore nel giorno del sesto anniversario della morte.

RadioItalia: Il 4 Gennaio 2015 ci lasciava Pino Daniele?? La scomparsa de 'l'uomo in blues', che era, e resta, il simbolo di una generazione di artisti che hanno reso grande Napoli, fu accolta con un moto spontaneo capace di riversare in poche ore migliaia di persone in strada, tutti riuniti in una piazza del Plebiscito gremita per dire al loro idolo "Ciao guaglio'".

"Si caro fratello è cambiato tutto - continua la lettera - purtroppo anche la musica non suona più davanti ai battiti di cuori dentro ai corpi umani, ma suona davanti a satelliti e onde magnetiche che si stanno mangiando tutti i nostri anticorpi che a tal punto siamo deboli davanti al mostro invisibile che ci circonda". Ma noi sappiamo reagire perché siamo un grande popolo e i grandi popoli non mollano mai, andiamo avanti zoppicando ma con dignità. Sara fa anche riferimento al testo della canzone che il padre le ha dedicato considerandolo come un monito su un futuro che poteva verificarsi: "A distanza di sei anni mi domando se quando hai scritto "Sara" avevi già previsto tutto, pensando 'senti io gliela scrivo così nel dubbio l'ascolta e sa che: 1".

Frasi che però, nonostante il dolore di non vederlo più, sono colme di speranza sia perché la ragazza è consapevole dei numerosi insegnamenti lasciati dal padre e sia perché sa di averlo sempre al suo fianco. "Mi manchi Brother, manca la tua voce, la tua lezione di vita".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE